Romeo e Giulietta di Macmillan torna sulla scena scaligera

Alessia Guadalupi - 25.10.2014 testo grande testo normale

Commenta questo articolo


Tags: Romeo e Giulietta, Kenneth Macmillan, Angelo Greco, Vittoria Valerio

Nuovo debutto del giovanissimo Angelo Greco.

Romeo e Giulietta di Kenneth Macmillan, uno dei capolavori del coreografo inglese, torna sulle scene scaligere con il sontuoso nuovo allestimento - le belle scenografie ispirate all’architettura in laterizio del Tre-Quattrocento italiano sono di Mauro Carosi, e i coloratissimi, fantasiosi costumi di Odette Nicoletti - che dal 2009 sostituisce quello precedente di Ezio Frigerio e Franca Squarciapino, di raffinata ispirazione gotica, immortalato nel dvd con Alessandra Ferri e Angel Corella. Il pubblico milanese ha potuto ammirare stavolta una serie di interessanti cast. La stella di casa, Roberto Bolle, è stato affiancato per la prima volta in questo balletto dalla ballerina russa Alina Somova, componendo una coppia glamour che non ha fatto rimpiangere quella Bolle-Zakharova. L’étoile russa ha infatti rinunciato alle recite del balletto di Macmillan, come a quelle del Don Chisciotte un mese fa.
Si sono poi avvicendate due coppie formate da stelle internazionali accanto a giovani italiani: Natalia Osipova, ormai di casa alla Scala, ha danzato nuovamente accanto a Claudio Coviello. L’ospite Marianela Nunez, del Royal Ballet di Londra, avrebbe dovuto debuttare alla Scala accanto a Massimo Murru; purtroppo l’étoile milanese ha dovuto rinunciare alle recite a causa di un problema di salute; la Nunez ha danzato quindi accanto a Gabriele Corrado. E’ davvero un peccato non poter rivedere Murru in questo ruolo; sarebbe stata forse l’ultima volta, almeno sulla scena scaligera. Rimangono negli occhi e nella memoria le sue indimenticabili recite accanto a Sylvie Guillem, nel 2002.
A ricoprire i ruoli degli sfortunati amanti veronesi sono stati poi Nicoletta Manni con Marco Agostino e Gabriele Corrado con Marta Romagna.
La recita del 22 ottobre è stata poi l’occasione per un nuovo importante debutto; Angelo Greco, dopo il più che ottimo esordio in Don Chisciotte, si conferma ballerino di grande talento e di superbe doti interpretative. Il suo Romeo è meraviglioso: un giovane idealista, appassionato e romantico, capace di far arrivare al pubblico le più minute emozioni della storia. Ma più di tutto colpisce la presenza scenica di questo giovanissimo ragazzo (classe 1995, si è diplomato nel giugno 2014 all’Accademia della Scala), che tratta i suoi esordi en souplesse, con la sicurezza di un vero animale da palcoscenico.
la Giulietta di Vittoria Valerio esordisce con energia nella scena con la Nutrice, fatica un po’ a trovare la dimensione passionale nelle scene del ballo e del balcone, ma si riscatta nel finale con una grande intensità drammatica. C’è poi il magnifico Mercuzio di Antonino Sutera a impreziosire ulteriormente una serata incoraggiante per il futuro della danza scaligera.


Foto: Angelo Greco e Vittoria Valerio. Copyright Brescia e Amisano, Teatro alla Scala

  • Romeo e Giulietta di Macmillan torna sulla scena scaligera

  • Romeo e Giulietta di Macmillan torna sulla scena scaligera

  • Romeo e Giulietta di Macmillan torna sulla scena scaligera

  • Romeo e Giulietta di Macmillan torna sulla scena scaligera

  • Romeo e Giulietta di Macmillan torna sulla scena scaligera

  • Romeo e Giulietta di Macmillan torna sulla scena scaligera

Gli ultimi commenti