"Die Privilegierten" al Teatro della Contraddizione, un'esperienza da vivere

Federica Solaro - 06.12.2011 testo grande testo normale

Commenta questo articolo


Tags: Marco Maria Rebecca Linzi, teatro della Contraddizione, dicembre 2011, federica solaro

Più di un semplice spettacolo, un'esperienza. Più di una semplice catarsi, un vero e proprio viaggio in una città ideale tutta da scoprire. Questo è Die Privilegierten, una pièce che potrete vivere in prima persona fino al 18 dicembre, al Teatro della Contraddizione.

Più di un semplice spettacolo, un'esperienza. Più di una semplice catarsi, un vero e proprio viaggio in una città ideale tutta da scoprire. Questo è Die Privilegierten, una pièce che saprà coinvolgervi, affascinarvi, straniarvi e che potrete vivere in prima persona fino al 18 dicembre, al Teatro della Contraddizione.
Lo spettacolo - che nel 2009 è stato insignito del Premio Milano per il Teatro, promosso dall'Assessorato alla Cultura del Comune e assegnato da una giuria popolare di spettatori per passione - è una visita guidata in una città ideale storicamente esistita e presentata al mondo per quello che non era.

Sebbene a teatro siano ammessi 14 spettatori a serata, preparatevi a compiere un interessante percorso individuale: vi verrà data una nuova identità, vi verrà chiesto di contribuire al bene comune della società con le vostre competenze artistiche o abilità d’artigiano e verrete infine accompagnati nella scoperta di questa città. Una città di privilegiati, perché, come recita il titolo, i suoi cittadini sono i componenti di una comunità unita, interamente autosufficiente, "felice".
"Ma è proprio così?" vien da chiedersi mentre si cammina tra un calzolaio e un barbiere, tra la bottega di una sarta e l'atelier di un pittore. "Ma non sembra tutto artefatto in questa città ideale?"
E' solo una sciocca impressione, eppure non fa che insinuarsi con prepotenza nella mente sino a diventare dubbio, sospetto, certezza che qualcosa non torni... Solo nel secondo atto gli spett-attori riescono a spiegarsi quella sensazione resa più forte dall'avanzare dello spettacolo.

Il regista Marco Maria Linzi, quasi fosse un direttore d'orchestra, dirige una complessissima costruzione teatrale: oltre alla presenza di un'orchestra di fiati e di ottoni, un gruppo di ben venti attori si muove tra i vari ambienti, separandosi e ricongiungendosi con una coordinazione e un ritmo studiato nel dettaglio. Note di merito anche ai giovani interpreti che superano brillantemente la sfida di recitare e, soprattutto, di interagire a tu per tu con un massimo di due spettatori.

Un'esperienza che consigliamo di vivere, una regia che alla disquisizione filosofica preferisce la conoscenza proveniente dall’esperienza vissuta (die Erfahrung), ma che, ciononostante, ci svela, attraverso la forza dell'illusione, come siano proprio l'apparenza, la manipolazione della realtà e l'illusione gli strumenti prediletti con cui il potere e i suoi soprusi si realizzano.


Dall'1 al 18 dicembre 2011
DIE PRIVILEGIERTEN
di Marco Maria Rebecca Linzi

TEATRO DELLA CONTRADDIZIONE
via della Braida, 6

INFO E PRENOTAZIONI
TEL. 02.5462155



  • "Die Privilegierten" al Teatro della Contraddizione, un'esperienza da vivere

Link Consigliati

Gli ultimi commenti