Diavolerie visionarie al Teatro degli Arcimboldi: chiude la rassegna Grande Danza

Maddalena Peluso - 11.06.2008 testo grande testo normale

Commenta questo articolo


Tags: Milano, Diavolo, Dance, Theater

Sono ritornati a Milano, il 10 e l'11 giugno 2008 per chiudere la premiata rassegna "Primavera 2008: grande danza al Teatro degli Arcimboldi" gli atleti-acrobati-danzatori della compagnia californiana "Diavolo Dance Theater" con lo spettacolo "Dreamcatcher", acchiappasogni, ispirato ad una leggenda indiana...

Più che di "modern dance" sarebbe giusto parlare di "teatro in movimento", in cui la fisicità dei corpi rimanda a recondite emozioni, ai sogni "da acchiappare" per far dormire i bambini.
Sono ritornati a Milano, il 10 e l'11 giugno 2008 per chiudere la premiata rassegna "Primavera 2008: grande danza al Teatro degli Arcimboldi" gli atleti-acrobati-danzatori della compagnia californiana "Diavolo Dance Theater", fondata nel 1992 da Jacques Heim, coreografo di uno degli spettacoli di maggior successo de Le Cirque du Soleil, KÀ, diretto da Robert Lepage.
Lo spettacolo "Dreamcatcher", acchiappasogni, ispirato a una leggenda indiana, ha debuttato lo scorso anno a Milano ed è considerato uno dei più interessanti della compagnia.
Dominato da un'enorme struttura circolare in acciaio, il lavoro è un puzzle frutto della creatività di squadra e dell'espressività individuale coordinate da Heim, capace di unire estetica coreografica contemporanea, tensione acrobatica del movimento e uso coreografico dei materiali di scena (ruote, scale, porte, pareti da climbing...).
Il lavoro di Heim combina tra loro diverse influenze, dalla street dance parigina (da cui egli stesso proviene), alla physical dance degli americani Streb e Pilobolus, al cinema hollywoodiano, la pittura surrealista (in particolare di René Magritte), la spettacolarità del Cirque du Soleil e l’immaginario della quotidianità, per dare vita a rappresentazioni interdisciplinari che, attraverso la mediazione del linguaggio teatrale, "esaminano il rapporto ad un tempo divertente e drammatico dell'individuo con il suo ambiente".
E il pubblico senza dubbio apprezza calandosi nelle atmosfere visionarie e comprende la storia di lotta e di speranza narrata con astrattismo e visceralità tra salti, slanci, e piroette che svelano le assurdità della vita...
E' così che la primitiva voglia di giocare servendosi di materiale scenico che fa parte della coreografia cattura gli spettatori trasportandoli "in un regno dove gli umani possono realmente volare".


Teatro degli Arcimboldi
Viale dell'Innovazione
Milano
10 e 11 giugno 2008
DIAVOLO DANCE THEATRE (USA)
direzione artistica Jacques Heim
danzatori : Ken Arata, Briana Bowie, John Corsa, Philip Flickinger, Becca Greenbaum, Renee Larsen, Melinda Ritchie, Jones Welsh, Garrett Wolf, Crystal Zibalese, David Zibalese,

In scena a Belvedere di San Leucio - Teatro dei Serici il 14 e 15 giugno


  • Diavolerie visionarie al Teatro degli Arcimboldi: chiude la rassegna Grande Danza

  • Diavolerie visionarie al Teatro degli Arcimboldi: chiude la rassegna Grande Danza

Gli ultimi commenti