La leggerezza e la danza nel paese di Tut

Maddalena Peluso - 10.12.2009 testo grande testo normale

Commenta questo articolo


Tags: Maddalena Peluso, Pietro Micci, Deja Donne, Piotr e le stelle di Tut

Teatrodanza surreale e farsesco al Franco Parenti con "Piotr e le stelle di Tut" con la compagnia Deja Donne fino al 13 dicembre...

Fino al 13 dicembre 2009 al Franco Parenti c’è il surreale e romantico Piotr e le stelle di Tut della compagnia di danza Déjà Donné in coproduzione con AMAT/Danzando per le Marche e Ministero Ceco della Cultura.

Lo spettacolo, creato su richiesta della Fondazione Umbria Spettacolo, è opera di Lenka Flory e Simone Sandroni, fondatori a Praga, nel 1997, della compagnia di danza contemporanea Déjà Donné.

Per poco più di un’ora il palcoscenico è tutto per lo snodato e spigoloso Piero Micci, che, dopo la bella prova nel ruolo di Ciambellano in "Ondine" di Andrèe Ruth Shamman, ritorna al Franco Parenti con uno spettacolo del 2005 per dar mostra delle sue peculiarità tecniche e della sua presenza fisica.

Il suo personaggio è appunto Piotr Splendowsky, eccentrico e fiero produttore di spettacolo che si impone di intrattenere il pubblico in attesa dell’arrivo dell’autobus degli artisti della sua immaginaria terra, Tur per rendere omaggio al folklore della sua patria.

A dargli man forte un’interprete timida e stralunata, davvero credibile nel ruolo, e il tecnico Ugo Vats, impersonato proprio da Sandroni, la spalla fanfarona della regione del Nord di Tut che, nelle sua lingua, un grammelot dell’Est Europa, contraddice e accompagna Micci, che viene invece dal Sud, nelle danze tipiche della loro terra.

Il risultato è senza dubbio una piccola e bella prova di non sense teatrale che gioca interamente sulle caratteristiche attoriali dei personaggi, dando il massimo nelle belle coreografie di danza e in qualche felice trovata che entusiasma il pubblico.

Uno spettacolo leggero “senza grosse pretese” che però rischia di girare intorno a sé stesso, proprio come l’interprete in una delle scene di maggior impatto, senza riuscire - o forse senza avere la possibilità – di mettere a fuoco l’argomento che intende trattare. E lasciando un sapore di incompiuto come di una bella occasione davvero non sfruttata.

dal 9 al 13 dicembre 2009 Teatro Franco Parenti Deja Donne
PIOTRE E LE STELLE DI TUT
coreografia e direzione Simone Sandroni & Lenka Flory
creazione ed interpretazione Pietro Micci, Simone Sandroni, Rosetta Martellini
testi Simone Sandroni, Pietro Micci - produzione DEJA DONNE, Lenka Flory
assistenza alla produzione Elisa Chianella con il supporto di Teatro Stabile d’Innovazione Fontemaggiore, Fondazione Umbria Spettacolo e Associazione Marchigiana Arti Teatrali /Italia

Teatro Franco Parenti
Via Pier Lombardo 14
Milano (MI)
Tel: 02.59.99.52.06
Biglietti Intero € 32,00
Ridotto under 25 € 22,00
Ridotto over 60 € 16,00
Ridotto under 18 € 10,00



  • La leggerezza e la danza nel paese di Tut

  • La leggerezza e la danza nel paese di Tut

Gli ultimi commenti