Gli angeli 'sporchi' di Furio Bordon al Teatro Elfo

Maddalena Peluso - 26.11.2009 testo grande testo normale

Commenta questo articolo


Tags: Furio Bordon, La notte dell'angelo, Teatro Elfo

Il tema dell'abuso su minori nella drammaturgia di Furio Bordon. Un testo complesso su un tema decisamente scottante messo in scena con professionalità...

Dopo il successo di “Angels in America” il Teatro dell’Elfo ospita altri angeli, questa volta non infetti da un virus epocale ma “sporcati” da miserie e squallidi abusi familiari, “come le immacolate pareti dei gabinetti pubblici da scritte e disegnini volgari”.

Il testo dell’autore triestino Furio Bordon, qui impegnato anche nella regia, “La Notte dell’Angelo” è la storia dei fantasmi di un’intransigente e lacerata psicologa, interpretata da una vibrante e tecnica Daniela Giovannetti.

Un teatro mentale, un'ottima drammaturgia contemporanea che si propone di scandagliare l’umano portando dal dramma degli abusi infantili, portando alla luce sordidi drammi e tensioni mai sopite con un trittico attoriale di grossa preparazione e professionalità.

Da un lato un padre attore di successo vanitoso e brillante, riuscitissima interpretazione di Massimo De Francovich che fa completamente suo il personaggio, offrendo una seconda, e probabilmente non meno importante, chiave di lettura del testo: il riparo nell’irrealtà del teatro dalle miserie della vita, le contraddizione tra quello che accade sulle assi di un palcoscenico e quello che aspetta l’attore al suo ritorno a casa fino alla tanto decantata “funzione sociale del teatro” contrapposta a quella, ben più concreta, di un operatore sociale.

Dall’altro lato, cruda e disperatissima c’è la realtà di chi non riesce a “salvare la faccia”, di chi ogni giorno lotta contro i fantasmi di un’infanzia mostruosa senza alcun appiglio nella quotidianità, se non una fragile e inadeguata “neutralità”, imposta dalla giovane terapeuta: un giovanotto stralunato e farneticante, interpretato con passione e giusta misura da Guido Saudelli, e il suo alter ego, un triste e malinconico burattino Pierrot, ben manovrato da Massimo Gambarutti.

In concomitanza dalla ripubblicazione, da parte della casa editrice Sellerio, dei suoi romanzi, Furio Bordon, autore del toccante “Le ultime lune” - in cui Marcello Mastroianni diede la sua eccellente e ultima grande prova teatrale – ha portato la sua “La notte dell’angelo” - testo che debuttò in Belgio in lingua francese ben dieci anni fa - al Politeama Rossetti di Trieste e che resterà fino al 4 dicembre 2009 al Teatro Elfo, concentrandosi su una particolare tematica, quella definita “delle età indifese”, la vecchiaia e l’infanzia.

“Sono le età – spiega nelle note di regia - in cui l’individuo è più debole, esposto a prevaricazioni e umiliazioni, l’età in cui la fortuna di essere nati diventa troppo spesso fatica di vivere e dolore. Ne siamo continuamente testimoni, nel mondo fagocitante, dai tempi innaturali, dalla forte superficialità in cui ci troviamo a vivere”. Un testo dunque estremamente complesso così come i temi affrontati, senza vincoli naturalistici spazio – temporali, messo in scena con sapienza e professionalità indubbia, in cui non mancano sagaci buttate, affidate per lo più alla figura del cinico e anziano attore, sul quale inevitabilmente si concentra l’attenzione dello spettatore. C’è da dire che nonostante un tema così denso di pathos, di scottante e sconcertante attualità, tarda ad arrivare quel coinvolgimento emotivo del pubblico che, pur apprezzando il lavoro attoriale e drammaturgico, resta distaccato, spettatore passivo di un onirica rappresentazione in un’altra dimensione.

Teatro dell’Elfo dal 24 novembre al 4 dicembre
La notte dell’angelo
di Furio Bordon
con Massimo De Francovich, Daniela Giovanetti e con Guido Saudelli
marionettista Massimo Gambarutti
regia di Furio Bordon
scene e costumi Alessandro Chiti
luci Nino Napoletano
produzione Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia

Teatro dell'Elfo
via Ciro Menotti 11 - Milano
Tel. 02.716791
E-mail: biglietteria@elfo.org

Orario: da martedì a sabato, ore 20.45. la domenica, ore 16.00

Biglietti: Intero 25,00 euro
Ridotto (under 26) 16,00 euro
Ridotto (over 60) 12,50 euro


  • Gli angeli 'sporchi' di Furio Bordon al Teatro Elfo

Link Consigliati

Gli ultimi commenti