Le origini del circo con la famiglia Togni...

Redazione Teatro - 06.10.2009 testo grande testo normale

Commenta questo articolo


Tags: Circo Togni, Darix, Wioris, Palasharp

Da oltre 130 anni il circo Togni rappresenta l'arte circense in Italia. Una festa al Palasharp di Milano per ricordare le origini di una famiglia e di una professione retrò e popolare...

E' probabile che se il circo non fosse esistito, io non avrei incontrato Rossellini, e se il circo fosse ancora un genere di spettacolo di una certa attualità, mi sarebbe piaciuto molto essere il direttore di un grande circo, poichè il circo è esattamente un miscuglio di tecnica, di precisione e d'improvvisazione. Proprio mentre si svolge lo spettacolo già provato e riprovato, si rischia veramente qualcosa; cioè vale a dire che, nello stesso tempo, si vive
Federico Fellini

Il compianto Mario Verdone, decano degli storici di spettacolo italiani, e per il mondo del circo uno dei padri della storiografia in campo mondiale, considerava il circo "fonte di tutte le arti dello spettacolo". Per Fellini il circo era "una grande metafora dell'esistenza. Così come il clown ne è il punto focale". Tanti gli artisti che si sono lasciati affascinare dal cerchio magico: da Renoir con le sue piccole giocoliere "Francisca e Angelina", ai fachiri di Maurizio Cattelan, dalla poetica nostalgia di De Gregori alla spettacolarità caciarona di Vinicio Capossela.

La storia del circo Togni è ben rappresentata dallo show dello stuntman Holer Togni : un camion giallo in equilibrio su un solo lato, brivido e spettacolo funambolico, duro lavoro per pochi attimi di adrenalina.
Ed è stato proprio l'emozionante numero dell'affabile Holer ad aprire i festeggiamenti per i 130 anni di vita dell'arte circense firmata Togni il 5 ottobre 2009 al Palasharp di Milano .
Una celebre dinastia, nata con Aristide Togni e Teresa De Bianchi, di acrobati volanti, equilibristi, domatori, clown, cavallerizzi e trapezisti riuniti per rendere gloria alla "famiglia", a quei legami di sangue e di vita che, aldilà delle beghe economiche e delle divisioni artistiche, non smettono mai di "chiamare".
E alla chiamata, con un show da "amarcord", curato da Alessandro Serena, docente di Storia dello spettacolo circense e di strada all'Università Statale di Milano e diretto con Tommy Cardellini, hanno risposto tutti i membri della famiglia Togni e Casertelli (fondatori del circo Medrano) con il clown David Larible, i geniali Stiv & Ronny, prestati al Cirque du Soleil al "maestro del sorriso" Wioris De Rocchi. Grande e meritassimo spazio al "futuro della famiglia": contorsioniste, acrobati e portentosi giocolieri di solo 11 anni.
Affascinanti storie di una famiglia umile e appassionata che ha attraversato la Storia d'Italia restando fedele alla sua arte, trasmettendo di generazione in generazione una passione un po' retrò e popolare, quell'improvvisazione genuina e crudele, quegli odori di segatura e di popcorn di proustiana memorie, quegli accompagnamenti musicali ormai fuori dal tempo, colonne sonore della nostra infanzia e dei nostri ricordi.

I figli di Aristide formarono negli anni trenta quello che fu proclamato dal Re d'Italia "Circo Nazionale".
Pochi anni dopo, con la crisi economica, Darix con il fratello Wioris e i cugini salvarono il circo, messo in liquidazione, con nuovi numeri, dalle piramidi ai jockey.
Il clan dei Togni comprende le famiglie dei fratelli Ercole, Ugo e Ferdinando. E' con loro che ha mosso i passi negli ultimi 100 anni di storia italiana.
E di storie da raccontare ne avrebbe tante: il naufragio delle attrezzature durante il viaggio in Grecia nel 1923, la tragica fine di un domatore, sbranato da una dozzina di leoni scappati in seguito al deragliamento di un treno, il sequestro del circo, dei cavalli e autocarri da parte dei nazisti durante la seconda guerra mondiale, il gravissimo incendio nel 1962 a Milano, in Porta Volta, quell'incredibile nevicata che rese impraticabile il palazetto dello Sport e convinse nel 1986 Darix e Wioris a costruire a tempo record il PalaTrussardi, (oggi PalaSharp), le partecipazioni e i premi al Festival del Circo di Montecarlo fino alle durissime contestazioni negli anni novanta sulle condizioni degli animali del circo, con tutte le polemiche e cambiamenti ambientalisti che ne sono derivati

Ora, dal 20 ottobre 2009 il Palasharp ospiterà per la prima volta in Italia, il circo con gli animali Ringling Bros. and Barnum & Bailey con The Greatest Show on Earth.



Gli ultimi commenti